sabato 16 giugno 2012

SAPONE ALLA LAVANDA E OLIO DI MANDORLE DOLCI (Marilena M.)

FORMULA
600 gr di olio di oliva
200 gr di olio di mandorle dolci
100 gr di burro di karitè
100 gr di olio di girasole
*****************************
300 gr di acqua demineralizzata
127 gr soda caustica
sconto 5%
Al nastro : 
1 cucchiaio di fecola di patate
60 gocce di olio essenziale di lavanda
1 cucchiaio ( facoltativo ma consigliabile ) di olio di ribes nero
Con queste proporzioni il sapone viene bianchissimo!

PROCEDIMENTO
Si inizia disponendo sul tavolo tutti gli ingredienti della ricetta. Poiché viene utilizzata la soda caustica, fortemente irritante, è fondamentale indossare occhiali e guanti per proteggersi.
Si procede pesando l'olio, che viene quindi versato in una pentola; poi si mette la soda nell'acqua e si mescola con cautela, mettendo da parte la miscela ottenuta.
A questo punto si scaldano leggermente i grassi e si controlla, con un termometro da cucina, che sia la soluzione di soda e acqua che i grassi  raggiungano i 45 gradi circa.
Una volta raggiunta la temperatura si uniscono la soluzione di soda e l'olio e si frulla il tutto con il minipimer. Si attende il nastro (cioè l'avvenuta emulsione tra grassi e soluzione liquido/soda caustica che si rileva quando, sollevando il minipimer con il sapone che cola, si possono fare dei disegni netti sulla superficie del resto del composto), e si mescola bene. Si aggiunge poi l'olio essenziale precedentemente mescolato nell'amido e l'olio di ribes nero e si versa tutto in uno stampo.Infine è importante coprire lo stampo con la pellicola da cucina e con una coperta. Il sapone si sforma dopo 24 ore, quindi può essere tagliato e ricoperto con carta da forno per la stagionatura, che deve durare almeno 6/8 settimane.

9 commenti:

  1. Ciao Marilena volevo chiederti dove posso comperare l'olio di ribes nero? Grazie Ade

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ade, sulla destra (scorrendo un po' giù) trovi indicati i siti "DOVE ACQUISTARE MATERIE PRIME COSMETICHE". Considera che non è un olio difficile da reperire, ce l'hanno quasi tutti i siti! :)

      Elimina
    2. Grazie mille!^_^ Ade

      Elimina
  2. Ciao Marilena bellisimo questo sapone, complimenti!
    Desidero farlo, vorrei chiederti per favore, le caratteristiche
    circa la durezza e la cremosità visto che è già stagionato.
    In genere nelle formule usi il calcolatore per determinare
    le caratteristiche finali del sapone???
    E ancora è la fecola di patate che lo fa venire bianco candido???

    RispondiElimina
  3. Ciao! il sapone alla lavanda è quello che mi è venuto più bianco in assoluto ( ma proprio bianco candido ! ) , assieme a quello fatto con una percentuale di strutto . Sai cosa ha contribuito a renderlo così ? L' alta percentuale di olio di mandorle dolci . Dopo un' adeguata stagionatura si presenta con una buona durezza ed una relativa schiumosità .
    Purtroppo quando ho realizzato questo sapone non conoscevo ancora l' esistenza del calcolatore che determina le caratteristiche finali di ogni sapone ( in base ai grassi usati ed alla loro percentuale ) , ho solo " formulato " in modo che il sapone potesse risultare il più delicato possibile , in modo da essere usato anche dalle persone che soffrono di psoriasi o di dermatite atopica .
    Sono contenta che ti sia piaciuto :)
    Marilena

    RispondiElimina
  4. ciao! volevo sapere se la quantità di Soda Caustica di 127gr è già scontata del 5% ?

    RispondiElimina
  5. ciao...volevo chiederti se posso togliere il karitè e utilizzare più olio di oliva oppure più olio di mandorle, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, puoi mettere oliva, me devi ricalcolare la soda :)

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.